Pinsa romana






Nel web si trovano tante ricette della pinsa romana con varie tipologie di farine, (frumento riso e soia) io ho eseguito la ricetta pubblicata su Alice Cucina di Agosto 2017, di Renato Bosco.
Nella rivista è spiegato che la pinsa in realtà è l'antenata della pizza romana. Caratterizzata da un impasto ad alta digeribilità e idratazione, grazie al mix di farine usate e alla lunga lievitazione.

La storia della pinsa romana

La parola pinsa deriva dal latino "pinsère" che significa allungare, quindi l'atto di schiacciare e pestare. Infatti, secondo la ricetta originale, la pinsa romana era una schiacciata dalla forma allungata a base di acqua e cereali misti (orzo, farro, miglio). Questa schiacciata, composta da ingredienti poveri, veniva preparata anticamente dai contadini romani che la condivano con sale ed erbe aromatiche.
Fonte: qui

Penso che si possa definire una specie di pizza in pala, comunque davvero squisita, provatela!!

ingredienti
650 g farina 0
30 g farina di mais  
20 g farina di soia
490 g acqua
3 g lievito di birra fresco
14 g sale
14 g olio extra vergine d'oliva

Farine

La farina 0 
Nella ricetta non era indicato W, in rete ho trovato che si usa un W300 / W350
Io l'ho preparata setacciando insieme 500 g farina per pizza W270 e 150 g farina W330.
Farine del Molino Rossetto

Farina di mais
non era specificato se la fumetto o fioretto, io ho usato la fumetto quella più sottile
Nel web ho visto che si usa la farina di riso.

Farina di soia
ho usato una farina di soia tostata 

Procedimento
Sono partita a fare l'impasto con la foglia

In planetaria raccogliere le farine mescolate, il lievito sbriciolato e 400 g di acqua.
Avviare a velocità 1 per circa 1 minuti.
Poi in seconda velocità per circa 8/10 minuti.

Versare l'acqua rimanente con il sale e proseguire per altri 4 minuti.

Infine unire a filo l'olio impastare ancora per 2 minuti.

Ho finito l'impasto con il gancio.

Fare riposare l'impasto nella ciotola per 30 minuti.

Riprenderla formare una palla e trasferirla in un contenitore.
Coprire con pellicola  e passare in frigo per 24 ore.

Trascorso questo tempo tirare fuori attendere 45 minuti quindi pesarlo (peso totale 1,190 kg) e dividerlo  a metà.

Formare due palline, coprire e fare lievitare per 2-3 ore, io 2 ore e mezza

Poi stese delicatamente con le mani, disposte in 2 placche da forno e atteso ancora circa 45 minuti.
Misura di ogni pinsa circa 20 x 40 cm

Una appena stesa l'ho spalmata di pomodoro e dopo i 45 minuti infornata nella parte bassa del forno, a forno preriscaldato a 200 gradi per circa 15 minuti, tirata fuori messo la mozzarella e rinfornata nella parte più alta con funzione grill per 5 minuti.

L'altra l'ho unta leggermente di olio, e dopo i 45 minuti infornata a 200 gradi nella parte bassa del forno per 15 minuti, tirata fuori e farcita con prosciutto cotto, burrata e rucola. Rimessa in forno ancora 3 minuti e poi servita

Nota:
la ricetta originale prevedeva una cottura a 250 gradi per 15/20 minuti.
Regolatevi con il vostro forno!!

53 commenti:

  1. Che splendido risultato, seguirò le tue indicazioni!!!
    Baci

    RispondiElimina
  2. Cara Federica, questa pinsa romana non lo ho mai assaggiata ma credo sia buonissima.
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Mai provata sebbene abbia amici storici romani...dovro' farmela fare...ops...ho qui la tua ricetta me la preparo da me. Grazie Fede.

    RispondiElimina
  4. Io l ho mangiata in occasione del 18 compleanno di mio figlio in una pizzeria tipica romana e abbiamo gradito molto...però non ho mai pensato di farla da me ... beh adesso ho anche la ricetta sicura a portata di mano 😜 brava ti è venuta venisse 😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Rosalba a presto un abbraccio!

      Elimina
  5. non sono romana ma approvo,bravissima,la graderirei tanto un abella pinsa,mannaggia peccato che non posso passare da te,complimenti e grazie epr tutte le informazioni che hai dato,un bacione,felice serata

    RispondiElimina
  6. j'aime bien cette pâte à pizza vraiment appétissante
    google traduit mal
    bonne soirée

    RispondiElimina
  7. Splendido post, molto dettagliato. Sicuramente una ricetta da replicare :-)

    RispondiElimina
  8. Che bontà mi piace tantissimo. Brava come sempre :)

    RispondiElimina
  9. Da provare sicuramente, cosi farcita con cotto e rucola è davvero golosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie ^_^ si a noi è piaciuta tantissimo così!! a presto ciaoooooooooo

      Elimina
  10. Una bontà! La voglio assolutamente provare, bellissima e golosa, baci!

    RispondiElimina
  11. non la conosco ma dalla foto direi che è deliziosa ! Un abbraccio e buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda è stata una piacevole scoperta anche per me ^_^ baciiiii

      Elimina
  12. maravillosa recetta cara Fede :) :)

    RispondiElimina
  13. Anche se sono romana non l'ho mai mangiata, deve essere deliziosa. Un bacione e buon weekend.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora devi andare per forza a gustarla!! ciaooo

      Elimina
  14. Sei davvero la maga dei lievitati, Fede!

    RispondiElimina
  15. WOW davvero indicazioni super dettagliate!!! Da provare
    Buon week end

    RispondiElimina
  16. Io pensa che a Roma devo ancora andarmela ad assaggiare!!!! la tua è perfetta.. smack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma dai allora devi andare assolutamente!! ciaooo

      Elimina
  17. Menuda pinta tiene esta masa. Seguro que está especial. Un besazo.

    RispondiElimina
  18. che buonaaaa! a quest'ora poi!!!(ma colpa mia che mi metto a girovagare nei blog a pranzo ahaha) una pinsa come la tua aprirebbe lo stomaco a qualsiasi orario. Grazie per aver scritto tutte le indicazioni.

    RispondiElimina
  19. Ma lo sai che ha un aspetto golosissimo???? La proverò! Un bacione

    RispondiElimina
  20. Ma che meraviglia Fede, bravissima !

    RispondiElimina
  21. Mangio sempre la pinsa al mare, in un ristorante che la fa divinamente...la trovo estremamente digeribile, io non riesco più a mangiar pizza, la mia colite grida vendetta.
    La tua mi sembra spettacolare, che bello sarebbe poterla assaggiare ;)
    Bacione cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Simo..per la colite no comment ti capisco, un abbraccio

      Elimina
  22. Che bontà!
    Complimenti per il post dettagliato :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  23. La difficoltà della pinsa è nella miscelazione delle farine, dall'aspetto è molto verosimile all'originale a lungo dimenticata e tornata in auge di recente nella capitale dove stanno proliferando le "pinserie". E' davvero invitante Fede e se te lo dice una romana ci puoi credere. Ti abbraccio

    RispondiElimina
  24. È buona,ma buona che nulla ti fa rimpiangere una pizza.E' un'antenata speciale che tu hai fatto divinamente.Super tu sei sempre più super;)

    RispondiElimina
  25. Quando vado a Roma non me la faccio mai mancare ma diamine dovrei farla anche a casa, grazie

    RispondiElimina
  26. MOlto invitante, quanto mi piace!!!!

    RispondiElimina

Ciao, grazie per il tuo commento.
Mi fa piacere ricevere anche le tue critiche!
Non esitare a darmi qualche dritta!
Federica
Commenti anonimi se non firmati verranno rimossi.
Commenti con link attivi e inattivi di qualsiasi genere verranno rimossi
Commenti con pubblicità a contest o altro verranno rimossi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Questo blog non rappresenta un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Alcune immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse i diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione, verranno insidacabilmente rimossi.
Autorizzo la pubblicazione delle mie foto e ricette a condizione venga sempre inserito un link a questo blog
Copyright © Federica Simoni